Oggi la vita sedentaria, lo stress, la postura sbagliata, sono tutti fattori che inevitabilmente incidono sul nostro stato di salute, aumentando problematiche sempre più comuni e fastidiose che possono creare uno stato di malessere generale e pesare in maniera anche grave sulla stessa qualità della vita. Pensate al mal di schiena, mal di testa, cervicalgie, sciatalgie e tanto altro, per le quali spesso viene suggerito alcune tecniche fisioterapiche. Oggi però in questo ambito esistono delle novità, terapie sempre più diffuse che stanno avendo un enorme successo, ormai in tutto il mondo, come la tecarterapia.

Questa viene considerata a tutti gli effetti un trattamento fisioterapico, con l’unica differenza che utilizza il calore stesso del corpo al fine di combattere il dolore o l’infiammazione, azionando l’azione analgesica e antidolorifica.

Questa nuova attività terapeutica si basa dunque sulla capacità di azionare il calore del corpo, avvalendosi di due semplicissime piastre collegate a un generatore elettrico.

Concretamente si posiziona una delle piastre nel punto il cui il paziente avverte il dolore e l’altra dal lato opposto. Mettendo in moto il generatore è possibile attivare l’energia sufficiente per far si che l’organismo crei il calore, grazie alla stimolazione degli elettroliti, responsabili di tale processo. Lo scopo è quello di accelerare la naturale riparazione del danno ai tessuti diminuendo così i tempi di recupero e riducendo il dolore. La tecar viene solitamente applicata su anca, ginocchio, caviglia, spalla, piede, colonna vertebrale, polso e mano.

La tecarterapia è utilizzata per il trattamento di diverse patologie e disturbi, ossei, muscolari e vascolari. Tendinite; borsite; pubalgia; distorsioni, persino su diverse patologie che interessano la colonna vertebrale, trova applicazione nella cura di: torcicollo; ernia cervicale; artrosi cervicale. Oggi anche per contrastare gli inestetismi della cellulite, drenare i liquidi in eccesso; aumentare la vascolarizzazione interna; agire sull’infiammazione, riducendola. Contro la buccia d’arancia che la pelle assume quando è presente la cellulite.

Una tecnica assolutamente non dolorosa, anzi al contrario, dona un grande sollievo al passaggio, alleviando sensibilmente il gonfiore localizzato. Non esistono inoltre effetti collaterali, si tratta di una tecnologia che sviluppa un’energia biocompatibile con il tessuto organico. Per questo le sedute possono essere ripetute anche più volte durante una stessa giornata o addirittura associata ad altre terapie.

Non costituisce un ostacolo all’esecuzione di Tecarterapia, la presenza di protesi metalliche all’anca, ginocchio o spalla. Le uniche controindicazioni possono riguardare donne in gravidanza o i portatori di pacemaker e di dispenser elettronici di farmacia.

Una tecnica innovativa ampiamente diffusa nello sport contro gli infortuni e sempre di più nel postoperatorio.

La durata e l’efficacia di questa tecnica dipendono molto dalla gravità della patologia, oltre che dalla capacità del medico di fare correttamente il trattamento. In generale viene considerato un ottimo metodo per fronteggiare dolori occasionali o comunque ideali per dare sollievo a chi soffre di patologie più serie a muscoli e ossa. Il prezzo varia molto in relazione ai centri dove uno si reca, differenziandosi anche in base alla stessa durata del trattamento. Solitamente vengono fatti dei cicli di 9 o 10 sedute, ma tutto dipende da come il paziente reagisce. Il costo di una seduta si aggira più o meni dalle 25 alle 50 euro orientativamente.

Per ulteriori approfondimenti potete consultare meteoweb.eu

Comments

comments