depressione

Scrivere aiuta a combattere la depressione

Franz Kafka, un noto scrittore tedesco scriveva che: "scrivere aiuta a liberarsi dai fantasmi dell'animo umano". Kafka conosceva bene quei fantasmi dell'animo umano che danno origine all'ansia, al senso di oppressione ed alla depressione. Il nostro rapporto con gli altri diventa sempre più difficile e spesso ci sentiamo soli, incompresi e giudicati, così ci teniamo sempre più spesso i problemi per noi. (altro…)

Di arianna calvanese, fa
depressione

E’ giusto prendere gli psicofarmaci? E questi creano una dipendenza?

La depressione e l'ansia sono i mali del secolo. Per curarle esistono molti rimedi naturali, ma per avere un effetto immediato per la cura di tali patologie è necessario rivolgersi ad uno psichiatra che al 90% ci prescriverà una cura basata sugli psicofarmaci. Questo perché i nostri squilibri psicologici non sempre sono causati da fattori ambientali. Mi spiego: può capitare a tutti di attraversare un periodo difficile e di soffrire momentaneamente di depressione, questo è naturale. Ma essere perennemente depressi o ansiosi, rivela che in noi ci sono degli squilibri chimici. Proprio così: l'ansia, la depressione e tutte le altre malattie psichiatriche spesso sono causate da scompensi chimici del nostro organismo. Questi scompensi vengono generalmente curati tramite psicofarmaci. Il problema è che, se il nostro organismo non produce una determinata sostanza che ci fa cadere in depressione e l'assunzione di psicofarmaci compensa tale carenza, quando smettiamo di prendere gli psicofarmaci i disturbi si ripresentano. Per questo si dice che gli psicofarmaci creano dipendenza. Molti sono contrari agli psicofarmaci proprio per questo motivo. (altro…)

Di arianna calvanese, fa
editoriale

Dieta depressione e relazioni difficili

Il nostro regime alimentare tende a modificarsi in base al nostro stato psicologico. Ci sono persone che quando sono depresse o in uno stato di ansia mangiano di più, oppure non mangiano affatto. Insomma, nei periodi di stress psicologico la nostra dieta alimentare cambia. Avete mai sentito il vecchio proverbio che dice che chi eccede nel mangiare dolci lo fa per carenza di affetto? Beh, quel detto è veritiero. Infatti, generalmente chi è depresso o attraversa una vita sentimentale difficile avverte il bisogno di mangiare carboidrati. Per chi non lo sapesse, ricordo che per carboidrati non sono solo la pasta ed il pane ma anche gli zuccheri e quindi i dolci. Voi potreste dirmi che ho scoperto l'acqua calda e che la cosa difficile non è sapere di essere depressi e di mangiare troppo o troppo poco, ma capire come fare a guarire. (altro…)

Di arianna calvanese, fa
editoriale

La rabbia uccide

Oggi come oggi, la rabbia è una delle maggiori responsabili di infarti, ictus, esaurimenti nervosi e depressione. I ritmi forsennati in cui viviamo ci mettono sempre più alla prova. Il progresso che per certi versi ci semplifica la vita per altri ci esaurisce fino allo stremo ed i nostri nervi soni li, sempre più tesi. I bambini quando hanno un problema, quando soffrono o semplicemente quando vogliono attirare l'attenzione piangono, si sfogano. Poi crescendo qualcuno insegna loro a non piangere, a non mostrare le proprie debolezze, a non chiedere aiuto. Quel "qualcuno" inconsapevolmente scaccerà le lacrime dagli occhi dei bambini e seminerà in loro rabbia e depressione. (altro…)

Di arianna calvanese, fa