Il corpo umano è definito solitamente come una struttura complessa che comprende testa, collo, tronco, arti, superiori e inferiori. Nasce dalla moltiplicazione di cellule che vanno poi a generale i tessuti e a loro volta gli organi imputabili alla sopravvivenza dell’uomo. Una macchina perfetta che funziona secondo meccanismi complessi e naturali di estrema precisione, non sempre facili da comprendere.

Ogni parte del corpo umano ha una propria funzione, contribuendo dunque alla mantenere la struttura in vita e rispondendo agli attacchi esterni se necessario. Si organizza in maniera indipendente per garantire un normale funzionamento, sempre per uno stesso obiettivo, la vita. Il corpo umano deve però fare i conti con l’inevitabile morte delle cellule, questo significa che la struttura si modifica nel tempo e spesso il funzionamento viene compromesso non solo da fattori esterni e ambientali. L’invecchiamento del corpo umane è un processo inarrestabile, l’unica cosa che si può fare, aiutarlo quanto meno a rallentare tale inevitabile regressione, mantenendolo sempre ben in salute e attivo.

Per fare questo la cosa più importante, aver cura dell’alimentazione, oggetto su cui è necessario porre attenzione già dai primi anni di vita del bambino. Infatti le cellule che vanno a formare il corpo umano si nutrono delle sostanze nutritive derivanti proprio dal cibo, riproducendosi continuamente. Questo processo ci deve fare capire che importanza abbia per il nostro organismo mangiare in maniera sana per garantire il benessere generale e facilitare tutte le sue attività, anche solo respirare e mantenere la giusta temperatura. Tutte cose che per noi sembrano semplici ma che in realtà richiedono tanta energia e altrettanto equilibrio.

Al contrario se le cellule e gli organi cominciano a non funzionare come dovrebbero il rischio è quello di compromettere l’intero sistema. Partendo dal presupposto che tutto è collegato da processi davvero difficili spesso fuori dalla portata della mente umana.

Si sente dire che siamo quello che mangiamo, se ci pensate bene è davvero così. L’alimentazione dunque rappresenta il vero carburate del corpo umano, e come le macchine se la benzina non è quella giusta le ripercussioni negative sono inevitabili. La stessa cosa vale per il nostro organismo.

Mangiare male, senza regole e misure, inevitabilmente incide sia sul benessere psichico che fisico di una persona, magari non nell’immediato, ma con il passare del tempo un’alimentazione inadeguata può essere la causa principale dell’insorgenza di numerose malattie, come tumori o patologie cardiovascolari, che solo con qualche accorgimento potrebbero essere evitare.

Così l’alimentazione deve essere varia, ovviamente è bene eliminare grassi saturi e zuccheri, in particolare i dolci e cibo spazzatura, la piaga di oggi soprattutto per quanto riguarda i bambini, responsabili di diabete infantile e tante altre patologie importanti.

Bisogna dunque inserire frutta e verdura in grande quantità, alimenti che non generano scarti dannosi e tossici per l’organismo, ma contengono molte vitamine essenziali nei processi fisiologici. I cereali sono altrettanto importanti per vitamine e minerali, preferibilmente integrali. Invece le proteine contenute in pesce, carne, uova e legumi, devono essere assunte con moderazione, se da una parte sono un’importante fonte di energia, dall’altra, nel caso se ne faccia un uso esagerato, questi elementi si trasformano in scorie e tossine, causa principale di problemi a fegato e reni.

Attenzione soprattutto alla carne rossa, meglio mangiare pesce e legumi.
Persino i formaggi e latticini devono essere consumati con moderazione, anche se fonte di calci è bene evitare quelli troppo grassi. No ad alcolici e bibite varie, si all’acqua, tanta acqua, utile per eliminare le tossine nel corpo. Fondamentale per lo svolgimento dei processi fisiologici che avvengono nell’organismo. Considerate che l’acqua riveste un ruolo primario nella digestione, oltre che essenziale per l’assorbimento e l’impiego dei vari elementi nutritivi.

Un altra cosa da non sottovalutare per mantenersi in forma e aiutare il proprio corpo, è sicuramente limitare gli stress quotidiani, che possono avere conseguenze importanti sul fisico e non solo sulla mente. Inoltre, l’attività fisica corretta e in misura ottimale in relazione al fisico e all’età, può facilitare anche l’espulsione delle tossine, contrastando il processo di’invecchiamento. INfine, ridurre allo stretto necessario l’assunzione di farmaci. Queste sono in generale le regole base per poter consentire all’organismo di lavorare al meglio, limitando al minimo le possibilità di squilibri fisiologici che potrebbero essere la causa di patologie anche gravi.

Per ulteriori informazioni potete consulta primonumero.it

Comments

comments