I semi di chia sono dei piccolissimi chicchi provenienti da una pianta floreale, Salvia Hispanica, che si trova principalmente nel centro e sud America. Attualmente coltivati in tantissimi altri paesi come Oceania, Africa, Bolivia e Australia. Le dimensioni sono inversamente proporzionali alle infinite proprietà per cui questi semini risultano molto amati e diffusi ormai in tutto il mondo. Come la presenza di Omega 3, antiossidanti e fibre, che aiutano nella prevenzione di diverse preoccupanti malattie, come ad esempio il diabete. Inoltre, i semi di chia sono ideali per migliorare il transito intestinale e riconosciuti come ottimi antinfiammatorio. Perfetta fonte di energia, in quanto contengono anche elevate percentuali di calcio, manganese e fosforo.

Utilizzati per la preparazione dei cibi, addirittura da popolazioni antiche come gli aztechi e Maya, considerati i primi ad avere scoperto questi semi miracolosi. Essi li impiegavano anche come omaggio agli dei, oltre che considerarli come fonte della loro stessa forza prima delle battaglie.
Oggi impiegati sia durante la cottura, ad esempio come ingrediente aggiuntivo nel pane, farina o nelle torte, per insaporire e rendere maggiormente consistenti gli impasti, soprattutto come addensanti per lo più nei dolci. Alcuni li consumano anche a crudo, per poter beneficiare pienamente di tutte le sue proprietà. Ad esempio nel succo di frutta o latte vegetale, macedonia, frullati o altro.

Nonostante i grandi vantaggi dei semi di chia sulla salute, avendo un importante effetto lassativo è bene non eccedere troppo nelle quantità. Solitamente vengono consigliati al massimo 30 grammi al giorno, proprio per evitare effetti spiacevoli. Possono anche avere delle controindicazioni se assunti in maniera non controllata, portando con il tempo l’insorgenza di disturbi intestinali per l’elevato assorbimento d’acqua. IN questo senso attenzione anche a evitare l’assunzione di farmaci in concomitanza con porzioni eccessive di semi di chia, i quali possono aumentare notevolmente le probabilità che si verifichino effetti collaterali indesiderati. Attenzione anche all’insorgenza d’intolleranze e alle allergie, nonostante possono essere assunti persino da persone celiache, è possibile che si reazioni d’ipersensibilità.

Si tratta di piccole perle miracolose che riescono persino ad aiutare coloro che vogliono perdere peso. Essi infatti, producono una sorta di patina all’interno dell’intestino che crea un prolungato senso di sazietà. Contribuiscono a sconfiggere i radicali liberi e contendono anche elevate percentuali di calcio e ferro. Un prodotto che si trova molto facilmente, presso erboristerie, rivenditori specializzati e persino nei normali supermercati. Oggi disponibili addirittura sul web.

La preparazione è semplice e veloce, basta metterli in un contenitore con dell’acqua e lasciarli almeno una mezz’ora a temperatura ambiente, se avete dubbi potete chiede al negoziante. Il risultato è un composto gelatinoso che potete utilizzare come preferite, per insalate e zuppe, per decorare torte, biscotti, pane o muffin. Dolce e salato indistintamente, infatti i semi di chia si affiancano a qualsiasi cosa anche grazie al sapore abbastanza neutro ma allo stesso tempo piacevole, quasi come la nocciola, delicato e non eccessivo, adattandosi così a una grande varietà di piatti. Hanno un sapore piuttosto neutro, che li rende adatti a molti tipi di piatti.Per qualche ottima ricetta potete consultare amando.it

Unendo così gusto e tantissimi ottimi benefici per corpo e mente, infatti questi semini sono considerati ideali anche contro malattie come depressione e schizofrenia, avendo importanti effetti sul sistema nervoso centrale.

 

Comments

comments