';

La curcuma per chi non lo sapesse, è una semplice spezia, ma ultimamente uno dei prodotti che va per la maggiore in cucina, conosciuta e amata in tutto il mondo. Da sempre usata per la preparazione di piatti orientali e non solo. Va di moda? Probabilmente anche per quello, ma in verità dietro questo strano nome c’è molto di più. Proviene dalla famiglia delle Zingiberaceae, il così detto zafferano delle Indie. Molto vicina allo zenzero, la pianta è riconoscibile grazie ai suoi fiori dal colore rosato. Questa spezia proviene principalmente dai paesi che hanno un clima tropicale. La si coltiva soprattutto in India, ma diffusa anche in alcune zone dell’Africa e dell’Asia.

La sua particolarità è quella di essere utilizzata per molteplici scopi, non solo come spezia per i cibi, ma persino nella medicina antica. Polvere miracolosa? Sicuramente per essere impiegata in moltissimi settori, qualche proprietà deve anche averla. Prima di tutti non è tossica, in verità risulta essere un perfetto antiossidante, analgesico, antiinfiammatorio, antisettico e persino un ottimo antidepressivo naturale. In quanto capace di controllare varie molecole che provocano le infiammazioni. Per approfondimenti potete consultare lastampa.it

Usata come tisana depurativa, ottimo digestivo, impiegata anche per forme influenzali gravi, asma, tosse e in presenza di febbre. Contro le infezioni, rimedio eccellente per prevenire i disturbi epatici, in presenza di contusioni e abrasioni. Addirittura per contrastare dolori addominali, coliche e problemi mestruali. La curcuma viene impiegata contro il mal di denti, in quanto contiene una componente ridotta di fluoro, uno degli elementi più utilizzato per il benessere e la salute dei denti. Si presenta con un colore molto particolare, simile al curry, utilizzato anche come tintura tessile e colorante alimentare nella senape che nei formaggi.

L’unico problema è il sapore, infatti risulta essere alquanto amaro, molto vicino allo zenzero. Solitamente usato per cucinare pollo, zuppe di ogni genere e insalata, al fine d’insaporire e abbellire i piatti, ma non bisogna esagerare, perché possiede un gusto molto forte. Tanti lo usano anche nel te o nelle tisane accompagnato da un cucchiaio di miele.

Veniamo a quello che interessa un tutti, ma la curcuma fa davvero dimagrire? Molti sostengono che il principio attivo di questa sostanza, curcumina, consente di controllare gli zuccheri nel sangue e accelerare il metabolismo. Riduce il senso della fame e aiuta il corpo a eliminare l’eccesso di liquidi. Prevenendo diabete e altre patologie. Infatti, se date un’occhiata potete trovare tantissime ricette e miscugli vari consigliati per assumere la curcuma sfruttandone tutti i vantaggi. Come quello di tenere sotto controllo il peso e dimagrire, ricordate di usarla in maniera equilibrata, senza esagerare, soprattutto a chi soffre di calcoli, in gravidanza e allattamento.

 

Comments

comments