Acquista su Amazon.it

Oggi la postura scorretta, la vita sedentaria e lo stress risultano i principali fattori che portano alla manifestazione di dolori intensi a ossa, muscoli e articolazioni, per i quali spesso i farmaci non sono sempre la soluzione ideale e più appropriata. Infatti, tantissimi coloro i quali continuano ad avvertire dolore intenso nonostante cure antibiotiche e cortisoniche. In questi casi è necessario capire l’origine del problema per poter così intervenire e risolvere la causa principale del disturbo. Questo è il compito dell’osteopata, specialista di trattamenti osteopatici, che grazie alla manipolazione e senza l’utilizzo di alcun farmaco cerca di comprendere la situazione corporea generale, in modo da trovare una soluzione in risposta alle necessità della persona. Un intervento adatto sia per adulti che per bambini.

In particolare l’osteopata viene chiamato in causa per mal di schiena, artrosi, stappi muscolari, cervicali, cefalee, mal di testa, addirittura insonnia e in alcuni casi ansia, disturbi del sonno e depressione. Tutto ciò che riguarda l’apparato scheletrico e muscolare in connessione con quello nervoso.

Attraverso la manipolazione, cioè delle manovre, il professionista riesce a individuare i punti di tensione che causano il disturbo. Una volta trovati lavora su di essi in modo da eliminarli o quanto meno ridurli, così da ripristinare il normale equilibrio del corpo. Un rimedio completamente naturale che porta a togliere il dolore e allo stesso tempo l’origine da cui deriva. In questo modo è anche possibile comprendere come evitare che il problema si ripresenti.

L’osteopatia parte dal presupposto che esiste una connessione tra mente e corpo e che molte volte anche lo stress legato a situazioni personali o da tensione accumulata, possono portare l’organismo a manifestare in maniera evidente il malessere. Pone in evidenza il legame non solo tra l’apparato neuro-muscolo-scheletrico, ma anche cranio-sacrale e persino viscerale.

Le tecniche utilizzate durante i trattamenti osteopatici sono diverse. Ad esempio si distinguono quelle strutturali che mirano a recuperare la mobilità muscolare e ossea. Le tecniche sacrali invece, si concentrano sull’armonizzazione delle funzioni tra cranio e osso sacro, tramite specifici movimenti. Infine, quelle viscerali, manovre che comprendono il movimento degli organi interni viscerali per far si che questi si posizionino in maniera corretta, liberandosi da costrizioni dovute spesso a pressioni, causate ad esempio a una cattiva posizione strutturale come può essere quella della colonna vertebrale.

L’osteopata prima di un qualsiasi intervento fa con il suo paziente un colloquio in cui, oltre a spiegare gli obiettivi e le azioni che vuole intraprendere, pone anche una serie di domande. In questo modo può avere già un quadro generale e capire più o meno quali sono gli obiettivi e su cosa focalizzare la propria attenzione. Nella prima seduta, in tutti i casi, il professionista pratica delle manovre su tutto il corpo, al fine d’individuare i punti di tensione e analizzare bene quali devono essere i passi successivi. Il numero di sedute solitamente varia in base alla gravità del problema e soprattutto alla risposta del corpo ai trattamenti fatti e manipolazioni precedenti.

L’approccio dell’osteopatia è individuale, si concentra sul paziente nella sua totalità e non sulla malattia in se. L’obiettivo è dunque correggere quello squilibrio che ha generato il dolore per aiutare l’organismo a funzionare come dovrebbe. Stimolando cioè il corpo ad auto-guarirsi con i giusti impulsi. In questo modo è possibile curare, o prevenire, tantissimi disturbi, per sportivi, anziani, bambini, donne in gravidanza. Inoltre l’osteopatia spesso viene affiancata ad altre discipline come fisioterapia e odontoiatria.

Infatti, contribuisce alla cura d’infinite patologie, come quelle che colpiscono il sistema circolatorio, digestivo, genito-urinario come nel post partum compresi i dolori mestruali. Fino alla sindrome del tunnel carpale, nevralgie, vertigini, asma e tanto altro.

Ad esempio uno dei disturbi più comuni per cui ci si reca dall’osteopata è il mal di schiena, che come si sa può dipendere da infinite cause. In questo caso l’osteopata cerca di capire l’origine del disturbo, anche attraverso esami medici, prevalentemente raggi o risonanza magnetica. Da qui definisce un percorso terapeutico che approfondisce attraverso la palpazione di alcune parti del corpo, cercando di intervenire fino alla completa armonizzazione del corpo.

Per approfondimenti potete consultare donnamoderna.com

Comments

comments