Proteine vegetali e animali, a quali affidare la nostra salute?

proteine vegetali e animaliChe differenza esiste tra le proteine vegetali e animali? 

Una precisazione dovuta è che non esiste una reale distinzione tra proteine vegetali e animali, sono tutte composte dalla stessa famiglia di molecole, gli amminoacidi.  Una determinata proteina è identica sia se è di origine vegetale che animale.

La reale differenza tra proteine vegetali e animali è che alcune proteine vengono sintetizzate esclusivamente negli organismi vegetali e altre in quelli animali. Quindi la reale distinzione è tra proteine di origine vegetale e di origine animale.

Ogni alimento vegetale presenta una carenza a livello di uno o più amminoacidi essenziali, per cui ogni pasto deve essere fatto associando i giusti ingredienti per poter garantire il giusto fabbisogno amminoacidico. Un esempio consiste nell’associare al riso che è carente in lisina dei legumi come le lenticchie che ne sono altamente ricche.

Altra precisazione da effettuare quando si parla di proteine vegetali e animali è nella non tossicità in se delle proteine di origine animale.

Ciò che rende dannoso il consumo di tali proteine è che i cibi di origine animale contengono altre sostanze che se assunte in eccesso possono essere dannose per la salute.

In particolare un grosso consumo delle carni trasformate o con aggiunta di conservanti, quindi salumi e carni in scatola, può portare a disturbi cardiovascolari per un eccesso di accumulo di colesterolo nelle pareti dei vasi irrigidendole e creando ostruzioni. Accumulo dovuto secondo alcuni studi dalla combinazione dei conservanti e dei sali aggiunti con i grassi saturi presenti.

Inoltre l’emoglobina e la mioglobina, presenti nelle carni rosse, sono caratterizzate dal gruppo eme il quale se assunto in eccesso può arrivare a provocare infiammazione intestinale. Un perdurato stato di infiammazione dell’intestino può aumentare il rischio di insorgenza del tumore del colon-retto.

Altro fattore di rischio tumorale è associato alla produzione di ammine eterocicliche quando la carne rossa (e per carni rosse si intendono quelle di manzo, maiale, agnello e capretto) viene eccessivamente cotta alla griglia, alla piastra o in padella. Le parti bruciate e carbonizzate presentano queste sostanze dall’effetto cancerogeno.

Alla luce di ciò che è stato detto, come bisogna comportarsi riguardo l’assunzione delle proteine vegetali e animali?

La risposta è semplice, ci si può direzionare verso il tipo di alimentazione che più che ci aggrada, purché si adottino delle precauzioni.

Per uno stile alimentare vegano fare attenzione alla giusta combinazione di cibi in modo da garantire i giusti apporti proteici, oltre che di grassi polinsaturi (omega 3) e vitamine con particolare attenzione a quella B12 .

Per uno stile alimentare onnivoro evitare se possibile salumi e carni in scatola, limitare il consumo di carni rosse a 1-2 volte al massimo a settimana stando attenti alle modalità di cottura, associare porzioni di verdura ad ogni pasto e cercare di portare a 3-4 volte a settimana il consumo di pesce.

 

http://epic.iarc.fr/index.php

Comments

comments

scorpi come dimagrire velocemente senza fatica

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

About Author: