La gravidanza è un momento cruciale nella vita di una donna e non è detto che si debba rinunciare  all’attività sportiva. Molte donne infatti appena scoprono di essere incinte, si pongono domande circa la possibilità di continuare a praticare attività sportiva, soprattutto nei primi mesi poiché consapevoli degli effetti benefici del movimento e anche per paura che l’evento possa cambiare il proprio corpo non solo in positivo.

In questo periodo infatti la cascata ormonale che il nuovo ospite attiva e il progressivo aumento di peso, incidono su tutto l’organismo con profondi cambiamenti volti a favorire il naturale sviluppo del feto. Per le super sportive amanti dell’attività aerobica è bene privilegiare lunghe passeggiate con scarpe e abbigliamento comodo mettendo da parte attività particolarmente impegnative come lo step, lo spinning ed esercizi che vanno a sollecitare eccessivamente i muscoli addominali anche se si è al primo trimestre.

Particolarmente benefici sull’apparato muscolo – scheletrico e perché no sull’umore che in questo momento molto desiderato può giocare brutti scherzi, sono il nuoto e gli sporti acquatici attività che non sovraccaricano le articolazioni e aiutano a sciogliere le tensioni; per chi ama l’acqua e vive il pensiero della nascita con agitazione, in alcuni centri specializzati è possibile effettuare il parto in acqua. Sì infine alla ginnastica dolce che allevia le tensioni localizzate soprattutto a livello lombare causate dalla modificazione  posturale a cui la donna va incontro per spostamento in avanti dell’addome.

Comments

comments


arianna calvanese

seo e blogger per passione