I nei nei bambini sono un fenomeno relativamente frequente, in parte legato a fattori ereditari.

Salvo rare eccezioni, la comparsa dei nei nei bambini generalmente non deve allarmare i genitori più di tanto proprio per questo motivo.

Tuttavia, i nei nei bambini devono sempre essere protetti adeguatamente dal sole.

Soprattutto nel caso di bambini piccoli,  la migliore protezione per i nei consiste in una maglietta a mezze maniche o in una canottiera (in base a dove si trovano i nei).

Infatti nessuna crema solare protettiva ha la stessa efficacia di una maglietta.

Se i bambini proprio non sopportano la maglietta o se i nei sono in un posto dove non possono essere coperti, allora è opportuno coprirli con una protezione molto alta.

A differenza dei nei negli adulti, l’ingrossamento dei nei nei bambini non deve suscitare troppo allarmismo.

Infatti, nella maggior parte dei casi i nei nei bambini crescono insieme a loro.

Se poi i nei dovessero cambiare forma o colore in maniera vistosa e repentina, allora è opportuna una visita dermatologica di controllo (che comunque va fatta una volta all’anno).

A parte questo, è importante l’alimentazione per cercare di prevenire che i nei nei bambini si trasformino in brutte sorprese.

D’estate la verdura colorata come le carote, i peperoni, o i pomodori danno all’organismo le armi giuste per combattere gli effetti negativi del sole.

Comunque sia, ormai che si tratti di bambini o di adulti, più si sta sotto l’ombrellone meglio è (tanto ci si abbronza lo stesso).

Infatti, l’ombrellone filtra in maniera eccellente i raggi cattivi del sole ed è sicuramente più salutare delle creme protettive….

Comments

comments

Categorie: editoriale

arianna calvanese

seo e blogger per passione