Ormai è tempo di mare, costume e tintarella. Quanto benessere derivi dalla semplice esposizione
alla luce solare è ben comprensibile, considerando gli effetti benefici sul tono dell’umore, sulla
sintesi di vitamina D indispensabile per le nostre ossa… Ma quante conseguenze patologiche
derivano da una esposizione errata ai raggi solari?
Le immediate conseguenze cutanee di una esposizione acuta sono l’eritema solare, dolorosa
affezione cutanea causata principalmente dai raggi UVB, dovuta a vasodilatazione dei vasi
sanguigni dermici che provocano rossore visibile, bolle, prurito.
Ma le caratteristiche cliniche di una cute danneggiata da una esposizione cronica comprendono
macchie, rughe che conferiscono un aspetto “segnato dalle intemperie”. Non è chiaro se questo
foto-invecchiamento rappresenti un invecchiamento cronologico accelerato o sia un processo
separato a sé stante; fatto certo è che una delle conseguenze più note dell’esposizione cronica al sole
è il cancro della cute, distinto in carcinoma baso-cellulare e carcinoma a cellule squamose, affezioni
neoplastiche diverse rispetto al melanoma.
Quindi proteggiamoci con solari specifici ed evitiamo il sole di mezzogiorno.

Comments

comments


arianna calvanese

seo e blogger per passione